festival di Sanremo

Ogni anno divide milioni di persone tra appassionati e disinteressati, eppure, che la kermesse canora piaccia oppure no, bisogna ammettere che ogni anno il palco dell’Ariston restituisce al panorama musicale nostrano un quadro abbastanza veritiero dei sogni, le speranze e le incertezze degli italiani, attraverso temi e testi che richiamano e ricalcano il periodo che stiamo attraversando. Succede così che l’amore contrastato dall’età che struggeva la Cinquetti nel 1964 venga ora sostituito da un tema molto più attuale e fino a qualche lustro fa, probabilmente impansabile, come la volontà di reagire al terrorismo.

I vincitori dell’ultimo festival, Fabrizio Moro ed Ermal Meta ne hanno fatto un manifesto, un inno alla speranza.  Se “Perdere l’amore”, che ha fatto trionfare Ranieri nel 1988 sottolineava come la perdita di un amore in età matura lasci un forte vuoto e grande disperazione, il bisogno di imparare a comunicare emerge prepotente nei testi delle canzoni in gara quest’anno: sia Rubino con “Custodire” che la Vanoni con “Imparare ad amarsi” richiamano il bisogno di imparare ad accettare la fine di una storia, vivendo il distacco usando appieno tutte le proprie energie, fino a trovare la forza di tornare ad amare. E chissà se durante le prime edizioni del Festival qualcuno avrebbe mai pensato che un giorno, dal festival più famoso della canzone italiana, qualcuno avrebbe dedicato una canzone al modo di vivere di un “piccione” oppure all’emergenza dei migranti morti in mare nella speranza di un futuro migliore. Sanremo è anche questo: uno specchio che attraverso il costume e gli accordi riflette l’andamento, le paure e le speranza della nostra bella penisola. 

Altri articoli della stessa categoria

  • In arrivo nelle sale Bohemian Rhapsody versione “karaoke”

    Bohemian Rhapsody, il biopic musicale sulla storia di Freddie Mercury, non smette di conquistare successi ed è recente l'annuncio dell’arrivo nelle sale di tutto il mondo di una speciale versione “karaoke”.

  • Il cinquantennale del festival di Woodstock

    Nell’agosto del 1969 circa 400mila spettatori affollarono i campi nei pressi di Bethel, New York, per un avvenimento che ha segnato un’intera epoca e l’immaginario di generazioni: la Fiera della Musica e delle Arti di Woodstock.

  • I personaggi musicali più twittati nel 2018

    Dopo la classifica dei video musicali più visti nel corso del 2018 su Youtube di cui abbiamo avuto modo di parlare in un precedente post, esce in questi giorni un'altra classifica che indica quali sono i personaggi musicali che ricorrono maggiormente nelle discussioni su un'altra popolarissima piattaforma web ovvero Twitter.

  • Il “Club 27” in mostra a Bologna

    Parliamo del cosiddetto “Club 27”, un gruppo di artisti che una fortunata espressione giornalistica mette insieme, accomunati dalla prematura morte al compimento del ventisettesimo anno di età.