Vasco non Stop live 2018

“Per l’estate 2018 prossima, noi procediamo per…Stadi. Il concerto del 1 luglio scorso è stato un evento straordinario, ma unico e irripetibile”.

Vasco ricomincia dagli stadi, con tanta voglia di sorprendere e di sorprendersi. Di divertire e di divertirsi con il suo pubblico. Dopo il concerto record dell’anno scorso al Modena Park con cui ha celebrato i suoi quaranta anni di carriera, Vasco Rossi incontra nuovamente il suo pubblico in un tour che inizia a Torino con le due date del 1 e del 2 giugno e prosegue con due date a Padova, due all’Olimpico di Roma e al San Nicola di Bari prima di chiudere a Messina il 21 giugno.

Al centro dell’enorme palco e perfettamente padrone, come sempre, il Blasco accompagnato da una band tra le migliori per il suono da stadio: il fido Stef Burns alla chitarra, Matt Laug alla batteria, il nuovo acquisto Vince Pàstano (oltre ad Alberto Rocchetti, Frank Nemola e il bassista Andrea Torresani che ha sostituito Claudio Golinelli ricoverato ad Udine per un malore) con in più il tocco postmoderno di Beatrice Antolini che suona tutto (percussioni, pianoforte, chitarra) e lo accompagna ai cori.

Resa nota anche la scaletta delle 25 canzoni che comporranno il concerto, che anche questa volta non mancherà di sorprendere e regalare nuove emozioni agli affezionati del cantautore di Zocca. Si parte con un inedito arrangiamento metal di Cosa Succede in Città, passando per Deviazioni e Blasco Rossi, si fa una incursione nel passato con una versione tenebrosa e aggressiva di Fegato Fegato Spappolato (e una citazione di Enter Sandman dei Metallica), a sorpresa vengono inseriti brani come Domenica Lunatica e Stupido Hotel, tornano con tutta la laro carica aggressiva C’è chi Dice No e Gli Spari Sopra, e la voglia di ballare con Rewind . Interessanti i nuovi arrangiamenti con cui vengono riproposte in tre diversi medley le canzoni in chiave rock Delusa, T’immagini e Sono Ancora in Coma, e acustica Dillo alla Luna e L’una per te.

Un concerto che in pieno stile Vasco mixa in maniera unica e inimitabile la vena adrenalinica puramente rock e la riflessione poetica e malinconica sulle difficoltà del vivere. Le piccole cose del quotidiano raccontate con semplicità, i sentimenti che tutti provano, la ricerca della felicità sono tutti tasselli di una narrazione condotta con la levità e la prossimità di un amico, che non pretende di avere verità precostituite ma la voglia di comunicare e condividere un dubbio, una sensazione, un pensiero, ma anche la spinta e la carica per andare avanti e continuare a conquistare e aggredire la vita.

Fedele a se stesso, Vaso Rossi ha fatto delle sue canzoni un racconto condiviso che continua a nutrire e incontrare sogni e pensieri di diverse generazioni come testimoniano i numeri dei biglietti venduti di questo nuovo tour.

Altri articoli della stessa categoria

  • In arrivo nelle sale Bohemian Rhapsody versione “karaoke”

    Bohemian Rhapsody, il biopic musicale sulla storia di Freddie Mercury, non smette di conquistare successi ed è recente l'annuncio dell’arrivo nelle sale di tutto il mondo di una speciale versione “karaoke”.

  • Il cinquantennale del festival di Woodstock

    Nell’agosto del 1969 circa 400mila spettatori affollarono i campi nei pressi di Bethel, New York, per un avvenimento che ha segnato un’intera epoca e l’immaginario di generazioni: la Fiera della Musica e delle Arti di Woodstock.

  • I personaggi musicali più twittati nel 2018

    Dopo la classifica dei video musicali più visti nel corso del 2018 su Youtube di cui abbiamo avuto modo di parlare in un precedente post, esce in questi giorni un'altra classifica che indica quali sono i personaggi musicali che ricorrono maggiormente nelle discussioni su un'altra popolarissima piattaforma web ovvero Twitter.

  • Il “Club 27” in mostra a Bologna

    Parliamo del cosiddetto “Club 27”, un gruppo di artisti che una fortunata espressione giornalistica mette insieme, accomunati dalla prematura morte al compimento del ventisettesimo anno di età.