Tu scendi dalle stelle Testo e spartito
Download file allegato: 

Origine del brano Tu scendi dalle stelle

Tu Scendi dalle Stelle è un brano tanto noto a tutti quanto antico: risale infatti al 1754 ed è stato composto da Sant'Alfonso Maria de Liguori a Nola in provincia di Napoli.

Forse non tutti sanno che il canto rappresenta l'evoluzione in italiano del napoletano "Quanno scennette Ninno", questo infatti il titolo originale dato dal Santo. A questo link di Wikipedia è possibile ascoltare anche la traccia audio vocalizzata, da cui si evince la forte somiglianza con il più celebre Tu Scendi dalle Stelle.

Sant'Alfonso Maria de Liguori fu infatti uno dei primi a comporre un canto religioso in napoletano e più avanti nell'articolo proporremo un confronto tra il testo di Tu scendi dalle stelle e quello di Quanno nascette Ninno.

Testo e spartito

Tornando al primo brano, un altro nome con cui è conosciuto Tu scendi dalle stelle è Canzoncina di Gesù Bambino, e rappresenta il più tradizionale dei brani natalizi italiani, con uno schema metrico di sette strofe da 6 versi ciascuna, anche se grandi e piccini ne conoscono prevalentemente solo due. Di seguito il testo, che vanta diverse varianti, frutto della tradizione popolare che lo ha modificato nel tempo, mentre al link sopra è possibile scaricare lo spartito.

Tu scendi dalle stelle Testo

Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo, e vieni in una grotta al freddo e al gelo.
O Bambino mio divino, io ti vedo qui tremar, o Dio beato! Ah quanto ti costò l'avermi amato!

A te, che sei del mondo il Creatore, mancano panni e fuoco, o mio Signore.
Caro eletto pargoletto, quanto questa povertà più m'innamora, giacché ti fece amor povero ancora.

Tu lasci il bel gioir del divin seno, per venire a penar su questo fieno. 
Dolce amore del mio core, dove amor ti trasportò? O Gesù mio, perché tanto patir? Per amor mio!

Ma se fu tuo voler il tuo patire, perché vuoi pianger poi, perché vagire? 
Sposo mio, amato Dio, mio Gesù, t'intendo sì! Ah, mio Signore! Tu piangi non per duol, ma per amore. 

Tu piangi per vederti da me ingrato dopo sì grande amor, sì poco amato!
O diletto del mio petto, se già un tempo fu così, or te sol bramo Caro non pianger più, ch'io t'amo e t'amo. 

Tu dormi, Ninno mio, ma intanto il core non dorme, no ma veglia a tutte l'ore 
Deh, mio bello e puro Agnello a che pensi? dimmi tu. O amore immenso, "un dì morir per te", rispondi, "io penso".  

Dunque a morire per me, tu pensi, o Dio ed altro, fuor di te, amar poss'io? 
O Maria, speranza mia, s'io poc'amo il tuo Gesù, non ti sdegnare amalo tu per me, s'io nol so amare! 

 

Quanno nascette Ninno Testo

Ecco un estratto del testo in napoletano del canto che in seguito diede vita a Tu Scendi dalle Stelle

Quanno nascette Ninno a Bettlemme
Era nott'e pareva miezo juorno.
Maje le Stelle - lustre e belle Se vedetteno accossí:
E a cchiù lucente
Jett'a chiammà li Magge all'Uriente.

De pressa se scetajeno l'aucielle
Cantanno de na forma tutta nova:
Pe 'nsí agrille - co li strille,
E zombanno a ccà e a llà;
È nato, è nato,
Decevano, lo Dio, che nc'à criato.

Co tutto ch'era vierno, Ninno bello,
Nascetteno a migliara rose e sciure.
Pe 'nsí o ffieno sicco e tuosto
Che fuje puosto - sott'a Te,
Se 'nfigliulette,
E de frunnelle e sciure se vestette.

Altri articoli della stessa categoria