Tempo musicale

tempo musicale

Il tempo musicale indica il movimento più o meno rapido cui attenersi nel corso dell’esecuzione di un brano ed è espresso dalle didascalie poste dall’autore all’inizio del brano stesso o nel corso di esso. Le diciture relative al tempo musicale principali sono dalla più veloce alla più lenta: Allegrissimo, Vivace, Allegro, Allegretto, Moderato, Andante, Adagio, Lento, Grave.

 

Le indicazioni relative al tempo musicale fino al XVIII secolo erano scarse o nulle. Ha un suo fascino il fatto che per secoli per calcolare approssimativamente la durata di una nota scelta come punto di riferimento ci si attenne al battito medio del polso umano (75/80 pulsazioni al minuto).

 

Le prime indicazioni esplicite di tempo musicale si ritrovano nelle Canzoni da sonar pubblicate da Frescobaldi nel 1634, dove i cambiamenti di tempo musicale corrispondono, però, a cambiamenti di valore delle note.

 

Nel secolo successivo si affermò l’esecuzione delle note secondo le didascalie a prescindere dai valori delle note. Ulteriore e definitiva tappa verso una definizione puntuale del tempo musicale fu l’introduzione del metronomo di Mälzel, strumento meccanico (oggi elettronico) in grado di scandire il tempo secondo una scala misurata.

 

Il tempo musicale definisce anche la dimensione metrico ritmica di un sistema di battute. In questo senso tre sono gli elementi fondamentali del tempo musicale: pulsazione, accento, ritmo.

 

La pulsazione è una successione regolare di battiti e pause (battere e levare) e rappresenta “l’unità di misura” e la traccia sui cui poi vengono posizionate le note. Si possono avere pulsazioni binarie (due movimenti per ogni accento) o ternarie (tre movimenti per ogni accento).

 

L’accento è l’intensificazione conferita ad un suono o ad un insieme di suoni perché acquistino particolare rilievo ritmico o espressivo all’interno del discorso musicale. In altre parole, è la particella di suono che include al suo interno la pulsazione. Gli accenti che organizzano la struttura ritmica di un brano si susseguono seconda un’alternanza di accenti forti, mezzoforti e deboli (tempo forte in battere, tempo debole in levare).

 

In una battuta binarie gli accenti saranno due: forte, debole.

In una battuta ternaria gli accenti saranno tre: forte, debole, debole.

In una battuta quaternaria gli accenti saranno quattro: forte, debole, mezzoforte, debole.

 

Il numero degli accenti contenuti in una battuta è rappresentato da una frazione numerica come, ad esempio, il tempo musicale ¾ che indica tre accenti del valore di ¼.

 

Anche nei tempi misti gli accenti rispettano l’organizzazione degli accenti dei singoli tempi che li costituiscono.

 

Altro elemento basilare del tempo musicale è il ritmo. Il termine ritmo individua in generale tutti quegli aspetti che si riferiscono all’organizzazione della durata del suono. Il ritmo determina la successione degli accenti forti e deboli ordinandoli nel tempo.

 

Una battuta può contenere una molteplicità di queste successioni ritmiche e il loro insieme viene definito misura.

 

La misura in base ai movimenti che la compongono può essere binaria (due movimenti per battuta), ternaria (tre movimenti per battuta), quaternaria (quattro movimenti per battuta), quinaria (cinque movimenti per battuta).

 

Grandezza e misura di ogni misura sono espresse da un numero frazionario detto metro. Esistono vari tipi di tempo: tempi fondamentali, tempi per aumentazione, tempi per diminuzione, tempi misti.

 

La suddivisione generale che in cui si divino tutti è quella tra tempi semplici e tempi composti. Nei primi ogni movimento ha sempre una struttura binaria e sono indicati da un numero frazionario che al numeratore designa il numero dei movimenti al denominatore la durata di ogni movimento.

Il tempo composto ha una suddivisione ternaria ed è indicato da un numero frazionario che al numeratore designa il numero delle suddivisioni al denominatore la durata di ogni suddivisione.

 

È possibile ottenere un tempo composto dividendo un tempo semplice per 3/2 o, al contrario, un tempo semplice da un tempo composto moltiplicandolo per 2/3.

 

Il tempo musicale è, dunque, il risultato di più elementi che occorre leggere e interpretare nella giusta maniera ai fini di un’esecuzione appropriata del brano.

Altri articoli della stessa categoria

  • corsi di musica

    Corsi di musica quali sceglier in base ai propri obiettivi, aspettative e disponibilità di tempo

  • come suonare il pianoforte

    Dopo la chitarra forniamo una serie di piccoli consigli pratici per iniziare a capire come suonare il pianoforte a orecchio

  • come suonare la chitarra

    Per chi inizia ad approcciarsi allo studio delle chitarra forniamo una serie di semplici suggerimenti e dritte per iniziare a suonare le prime canzoni e i primi accordi

  • Imparare a suonare il pianoforte

    Imparare a suonare il pianoforte è un percorso di apprendimento articolato e complesso che richiede impegno e dedizione ma che non mancherà di regalare grandi soddisfazioni