Mozart Nacht und Tag 2019

Mozart Nacht und Tag 2019

Oltre 55 ore di musica non-stop. Più di 120 appuntamenti musicali con solisti, ensemble, cori, orchestre e proiezioni cinematografiche a partire dalle 10 di sabato 27 fino al concerto conclusivo la sera di domenica 28 gennaio. Più di 460 musicisti coinvolti. Diretta streaming su web radio collegandosi a www.cineteatrobaretti.it. Ingresso libero e gratuito.

Sono questi i numeri e gli aspetti salienti della undicesima edizione di Mozart Nacht und Tag 2019 (qui il programma completo), la maratona di musica e concerti che il Cine Teatro Baretti di Torino organizza in concomitanza con la ricorrenza della nascita del genio di Salisburgo.

Mozart naque, infatti, il 27 gennaio del 1756 e con lui la storia della musica subì un’accelerazione violenta. Un genio la cui biografia scandisce la metamorfosi del musicista. Da uomo delle forme prestabilite e rese quasi immutabili dalle pigre aspettative delle corti ad artista di totale libertà è innovazione espressiva. Come osserva Massimo Mila “egli è forse il più strano caso di originalità artistica costruita sopra l’assorbimento incessante delle maniere musicali circostanti e dell’insegnamento di grandi e piccoli compositori”. Si pensi, a riguardo, al suo legame con la grande tradizione del melodramma italiano, che dopo di lui, in particolare con le straordinarie opere dapontiane, non sarà più lo stesso.

Mozart fu stregato dallo strumento che negli anni in cui si trovò a comporrecominciava ad affermarsi, il pianoforte, per il quale creò, quasi dal nulla rendendola subito perfetta, la forma concerto.

A oltre duecentocinquanta anni dalla morte, Mozart appare, oggi, modernissimo e nostro contemporaneo. In lui si rintraccia, in un amalgama sorprendentemente moderno e a noi vicino, una biografia scopertamente romantica, una genialità inquieta venata di irriverente fertilità e una sottile drammaticità d’ispirazione.

Al suo genio creativo siamo debitori non solo per la grande musica che ci ha donato ma anche per un nuovo modo di comporla, eseguirla e ascoltarla. Un mondo musicale, il suo, che ci avvince e affascina grazie alla sua fresca e quasi adolescenziale commistione di sfrontatezza e delicata fragilità, per la sua capacità unica di sorprendere e tendere imboscate anche all’ascoltatore più avveduto, per la dolcezza traboccante dell’invenzione melodica affidata spesso agli splendidi adagi strumentali, per le sue armonie sfaccettate e ricche di colori, che grazie alla sua sapienza compositiva, hanno svelato il potere unico e inimitabile della musica nell’illustrare i moti del cuoree raccontarei sentimenti.

La celebrazione della nascita di questo genio musicale, che rimane tra i più grandi artisti di tutti i tempi, diventa un’occasione in più per riascoltare e lasciarsi avvincere dalla sue immortali creazioni, che ieri come oggi ci mostrano come la bellezza possa essere, davvero, rifugio e salvezza dell’anima.

 

Altri articoli della stessa categoria

  • Il canto libero di Battisti online

    Come annunciato dal Corriere della sera, sarà possibile ascoltare Lucio Battisti online. Cade, così, l'ultmio tabù legato alla diffusione della sua musica

  • space oddity

    Per festeggiare i cinquant'anni di uno dei grandi successi di Bowie esce oggi un cofanetto speciale  intitolato David Bowie: Space Oddity

  • i vincitori delle Targhe Tenco 2019

    Vinicio Capossela, Daniele Silvestri, Enzo Gragnaniello, Alessio Lega, Fulminacci e l’album a progetto Adorizia “Viaggio in Italia. Cantando le nsotre radici” sono i vincitori delle Targhe Tenco 2019

  • lo suonava Gazzelloni

    Risulta alquanto singolare che una delle soluzioni di cruciverba più cercate su Google sia proprio quella relativa al quesito lo suonava Gazzelloni.