Accordo Mi7

L’accordo di Mi7 o di settima dominante è un accordo profondo e dalle coloriture blues, in questo articolo ne approfondiamo la struttura, forniamo una grafica illustrativa e una spiegazione dell’esatta diteggiatura per eseguirlo correttamente.

 

mi7

Continuiamo l’esplorazione degli accordi di chitarra affrontando in questa sede quello di Mi7 (E7 nella notazione iglese) suonato nella sua forma canonica, nella forma del Mi, in prima posizione. Ricordiamo che si definisce accordo “la combinazione di due o più intervalli armonici ordinati per intervalli di terza, e non solo, dove per combinazione (detta anche sovrapposizione) di due intervalli armonici si intende la loro simultaneità ed il fatto di avere in comune la nota di altezza intermedia tra le rimanenti” (cfr Wikipedia). Importante il concetto di simultaneità che distingue l’accordo dall’arpeggio, si parla di quest’ultimo, infatti, quando le stesse note vengono suonate in successione.

Dalla definizione appena fornita, si ricava l’evidenza che non tutti gli strumenti possono suonare gli accordi, perché non tutti possono suonare più note contemporaneamente. Lo strumento che meglio di altri può suonare gli accordi è proprio la chitarra. L’accordo consente di ottenere una sonorità più ricca e armonica.

 

Le note dell’accordo di Mi7

 

L’accordo di Mi7 viene chiamato anche di settima dominante perché è presente esclusivamente sul di una tonalità maggiore o minore. Nello stato fondamentale è composto da una terza maggiore, una quinta giusta e una settima minore; è molto importante nella musica tonale, poiché genera una forte attrazione verso la tonica della tonalità. La struttura dell’accordo Mi7 è la seguente:

 Tonica (MI), Terza maggiore (SOL#), Quinta giusta (SI), Settima minore (RE)

 

mi7

Come posizionare le dita sulla tastiera

 

Per chi sia già in grado di eseguire l’accordo di Mi maggiore l’esecuzione di questa variante apparirà estremamente semplice, in quanto sarà sufficiente togliere un dito dalla diteggiatura di quell’accordo, nello specifico è sufficiente alzare il dito dalla quarta corda lasciandola a vuoto. Anche nel caso che non si sia provvisti della conoscenza di cui sopra, l’esecuzione dell’accordo di Mi7 non presenta grossa difficoltà, come si può chiaramente osservare nella foto che precede che mette in evidenza l’esatta diteggiatura per l’esecuzione.

Come illustra l’esempio, l’indice della mano sinistra va posizionato sul primo tasto a premere la terza corda (quella del Sol), mentre il medio va posizionato sul secondo tasto a schiacciare la quinta corda (quella del LA).

L’esecuzione di questo accordo tipicamente blues si ottiene semplicemente schiacciando le due corde appena ricordate con la mano sinistra e, lasciando tutte le altre vibrare a vuoto, facendo scorrere con la mano destra il plettro su tutte le corde con un colpo deciso dall’alto verso il basso. La diteggiatura finale avrà, dunque, l’aspetto che segue:

--0--

--0--

--1--

--0--

--2--

--0—

mi7

Si tratta, come abbiamo visto, di un accordo di semplice esecuzione che tuttavia richiede comunque, come sempre quando si suonano degli accordi alla chitarra, precisione e accortezza. In particolare, bisogna prestare attenzione alla posizione dell’indice che deve evitare di toccare le prime due corde. Per eseguire correttamente il Mi7 le prime due corde devono suonare a vuoto.

Come evidenziato in diverse circostanze, ma nel caso della pratica strumentale è sempre bene ribadirlo, è la pratica e l’esercizio costante a garantire la necessaria mobilità e automatismo dei movimenti durante l’esecuzione di questo come di altri accordi ancora più difficili.

 

lezioni
lezioni